StopTTIP Italia lancia la nuova campagna #NoCETA #NonTratto
Il coordinamento Stop TTIP / Stop CETA si incontra a Milano il 10 febbraio 2018 e lancia un appello ai candidati alle elezioni politiche:...Leggi tutto...
Tomás Hirsch: “E’ la valorizzazione della diversità a rendere possibile la convergenza”

Intervista a Tomás Hirsch, storico esponente umanista cileno appena eletto deputato nel Frente Amplio, che compirà tra poco...

Leggi tutto...
Rapporto sulla sanità italiana: non ci siamo proprio
Al fine di ribadire ciò che il Partito Umanista ha già espresso nel comunicato relativo alla legge sul testamento biologico, e...Leggi tutto...
Legge sul Fine Vita
Dopo anni di dibattito anche in Italia finalmente è stata approvata una legge che regolamenta il fine vita: legge sul testamento biologico....Leggi tutto...
Contro ogni fascismo il coraggio della nonviolenza
Le oltre diecimila persone che hanno manifestato a Como contro ogni fascismo e intolleranza non sono scese in piazza solo per gridare No a tutti i...Leggi tutto...
Il grande inganno del Reddito di Inclusione
La soluzione alla povertà è la redistribuzione del reddito con la piena e buona occupazione.

In questi...Leggi tutto...
Appello per la ratifica del Trattato sulla proibizione delle armi nucleari
Il Partito Umanista Internazionale fa appello a tutti gli Stati perché firmino e ratifichino il Trattato sulla proibizione delle...Leggi tutto...
Amazon e il Grande Fratello
Quello che succede dentro Amazon Italia non può che essere fonte di gravi preoccupazioni. Infatti, i “supermagazzinieri” sono...Leggi tutto...
Basta austerità! Fermiamo il Fiscal Compact
Basta austerità! Fermiamo il Fiscal Compact.
Per riaprire la discussione su un'Europa oltre Maastricht, per eliminare il...
Leggi tutto...

È molto improbabile che qualcuno dei partecipanti al G20 si sia chiesto come devono essersi sentiti i cittadini greci quando il loro premier, ora dimissionario, Papandreou, ha cambiato idea e ha annullato la decisione di sottoporre le misure economiche elaborate dal governo alla loro valutazione diretta tramite un referendum.
La democrazia formale che domina in Europa sta diventando sempre più incompatibile con la democrazia reale. La democrazia formale può sicuramente sopportare che i cittadini scendano in piazza per contestare le politiche governative. Lo può sopportare persino quando le persone che protestano sono milioni: d’altronde, nei casi in cui la protesta potrebbe minacciare di mettere in pericolo lo status quo, si può sempre fare in modo che i riflettori dei mass media siano puntati esclusivamente su quei pochi violenti ai quali viene permesso di rovinare manifestazioni assolutamente nonviolente.

Ebbene, la democrazia formale può sopportare tutto questo, ma certo non può sopportare che un popolo possa esprimersi direttamente sulle politiche economiche decise da quel criminale connubio tra politica e finanza che ha creato e alimentato l’attuale crisi mondiale, in nome della quale vengono elaborate le suddette politiche economiche.
Per i cinici politici che padroneggiano nell’Unione Europea non deve essere difficile essere sordi alla voce della piazza. Molto più difficile sarebbe non tener conto del risultato di un referendum. 
Questo è successo nell’ultimo vertice G20. Anche se Papandreou non avesse mai avuto la reale intenzione di indire un referendum, il significato di ciò che è successo non cambia. Le misure economiche che i governi di paesi come la Grecia, l’Italia o la Spagna stanno mettendo in campo, avranno delle conseguenze pesantissime sulla stragrande maggioranza dei cittadini e senza alcuna garanzia in termini di efficacia. Anzi, molto probabilmente rappresenteranno solo un terribile attacco a ciò che rimane dello stato sociale e dei diritti fondamentali sanciti dalle costituzioni di questi paesi.
La proposta di sottoporre le misure economiche ad un referendum popolare è stata considerata, né più né meno, come un atto di incoscienza. Ma se permettere al popolo di decidere direttamente sulla politica economica è considerato un atto di incoscienza, come dobbiamo considerare, allora, l’incredibile distrazione dimostrata dalle istituzioni europee nel non vedere che l’economia greca stava dando segni di sofferenza già da vari anni e nell’aver permesso l’azione speculatoria di banche d’affari proprio sulle economie sofferenti della Grecia e di tanti altri paesi? Un’incoscienza assolutamente colpevole perché in molti casi non si è trattata di semplice distrazione, ma di vero e proprio incoraggiamento della speculazione finanziaria.
Che cosa ci si poteva aspettare da simili incoscienti, se non il ritenere un atto d’incoscienza l’unica cosa veramente coerente che un paese stava per fare? Non solo il popolo greco dovrebbe avere la possibilità di decidere tramite un referendum. Tutti i cittadini europei dovrebbero avere questo diritto. Si dovrebbe istituire un referendum europeo oppure, in alternativa, in ogni stato europeo si dovrebbero svolgere referendum popolari prima che le manovre economiche elaborate dai rispettivi governi vengano approvate. 
Non abbiamo bisogno di governanti che hanno paura della democrazia, perché la crisi attuale, prima di essere economica, è una crisi della politica, per superare la quale è necessario che tali governanti, rappresentanti di una democrazia formale sempre più inadeguata, si facciano da parte. 


 

 

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information