AL REFERENDUM SULL’AUTONOMIA VOTIAMO NO
Il 22 ottobre 2017 i cittadini della Lombardia saranno chiamati a un referendum consultivo, con il quale verrà domandato loro se vogliono...Leggi tutto...
Aiutiamoli a casa loro? Una balla spaziale
di Vittorio Agnoletto
“Aiutarli a casa loro” per anni è stato lo slogan della destra. Ora è diventato il...Leggi tutto...
Chiedigli di Votare #StopCETA
#StopCETA: via alla mobilitazione permanente per bloccare la ratifica.
Il CETA è arrivato in Senato....Leggi tutto...
Umanisti, nonviolenti, antiliberisti: l'intervista
Umanisti, nonviolenti, antiliberisti: l'intervista a Tony Manigrasso, segretario nazionale del Partito Umanista a cura di Marco Piccinelli....Leggi tutto...
Attacco Usa in Siria: la voce del padrone
Come può essere definita la decisione del presidente USA di lanciare missili sul territorio siriano?
Il governo italiano appoggia...Leggi tutto...

Il Partito Umanista Internazionale rifiuta e condanna l'intervento militare nella Repubblica del Mali con la pretesa scusa di fermare l'avanzata dei gruppi accusati di terrorismo.
I governi di Stati Uniti d'America (USA) e Francia hanno armato questi gruppi e hanno contribuito a generare un clima favorevole ai loro interessi, fornendo aiuto, sostegno e armi ai settori accusati di fondamentalismo. L’attuale pretesto utilizzato per giustificare queste azioni violente è ancora una volta la "guerra al terrorismo". Non ci sono scuse per azioni militari, economiche o politiche che giustifichino l'uso della forza nelle relazioni internazionali.
E’ il controllo di uranio, oro, petrolio, gas..., il vero motivo di questa guerra? Questo intervento militare si è verificato dopo quello in Libia e in Costa d'Avorio, e dopo il colpo di stato in Niger, tutti allo scopo di instaurare governi corrotti favorevoli alla NATO.

Quanto al popolo Tuareg, è discriminato e trascurato da secoli a causa della propria scelta di una vita nomade, ed è spesso lasciato senza accesso ai servizi sanitari e all’istruzione: vittima di queste violenze e ingiustizie, ora è manipolato e sacrificato con tutta la popolazione del Mali sull'altare del capitalismo.
Siamo di fronte al colonialismo del 21° secolo, basato come sempre sulla forza militare. I detentori del capitale finanziario internazionale, l’industria non-allineata, i commercianti di armi e determinati gruppi d’affari sono i reali poteri che hanno gli strumenti organizzativi per il saccheggio, utilizzando la NATO.
Guidati dai paesi europei della NATO allineati con gli USA, sono determinati a superare la loro crisi economica invadendo paesi, senza curarsi dei danni alle popolazioni civili: in altre parole, cercando di invertire la crisi del sistema capitalista attraverso un colonialismo selvaggio.

Il Mali non ha bisogno di bombe, corruzione o sottomissione. Indipendentemente dalle etnie e dalle culture, la popolazione del Mali ha bisogno di democrazia, dignità, rispetto e prosperità. Il popolo del Mali ha bisogno di decidere del proprio futuro.

Gli umanisti ripudiano qualsiasi intervento straniero all’interno del territorio della Repubblica del Mali, ripudiano l’atteggiamento neocolonialista dei governi  degli Stati Uniti,  del Regno Unito, e in particolare del governo francese, rappresentanti di una falsa alternativa al neoliberismo, chiamato "socialismo europeo".

Gli umanisti difendono il diritto dei popoli all'autodeterminazione, e propongono i valori fondamentali dell’essere umano: i diritti umani e il rispetto per la vita.

Partito Umanista Internazionale - Federazione Internazionale dei Partiti Umanisti.

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information