Dopo Genova
La Religione del Denaro, la povertà e la democrazia

La Religione del Denaro è la vera causa della povertà: se ne uscirà solo con la democrazia reale....

Leggi tutto...
Lottare contro la povertà, non contro i migranti
“Ogni individuo, in quanto membro della società, ha diritto alla sicurezza sociale, nonché alla realizzazione...
Leggi tutto...
Di Maio firma il Jefta: Gravissimo incontri subito StopTtip
Il Ministro dello Sviluppo economico ha dato il via libera alla stipula del contratto Japan-EU Free Trade Agreement, un accordo di libero...
Leggi tutto...
Le proposte Umaniste per la Solidarietà Sociale
L'Istat aggiornando gli indicatori dell'Agenda Onu 2030 sullo sviluppo, in occasione della conferenza nazionale di statistica,...
Leggi tutto...
Fiscal Compact: un passo verso il Medioevo Finanziario
Cosa prevede il Fiscal Compact?
Fra le molte cose contenute nel trattato, le più importanti sono quattro:Leggi tutto...
Prima le persone
Ancora naufragi al largo della Libia, ancora mancato intervento da parte dei soccorsi. Le stragi di questi giorni si sarebbero potute...
Leggi tutto...

Il Partito Umanista Internazionale rifiuta e condanna l'intervento militare nella Repubblica del Mali con la pretesa scusa di fermare l'avanzata dei gruppi accusati di terrorismo.
I governi di Stati Uniti d'America (USA) e Francia hanno armato questi gruppi e hanno contribuito a generare un clima favorevole ai loro interessi, fornendo aiuto, sostegno e armi ai settori accusati di fondamentalismo. L’attuale pretesto utilizzato per giustificare queste azioni violente è ancora una volta la "guerra al terrorismo". Non ci sono scuse per azioni militari, economiche o politiche che giustifichino l'uso della forza nelle relazioni internazionali.
E’ il controllo di uranio, oro, petrolio, gas..., il vero motivo di questa guerra? Questo intervento militare si è verificato dopo quello in Libia e in Costa d'Avorio, e dopo il colpo di stato in Niger, tutti allo scopo di instaurare governi corrotti favorevoli alla NATO.

Quanto al popolo Tuareg, è discriminato e trascurato da secoli a causa della propria scelta di una vita nomade, ed è spesso lasciato senza accesso ai servizi sanitari e all’istruzione: vittima di queste violenze e ingiustizie, ora è manipolato e sacrificato con tutta la popolazione del Mali sull'altare del capitalismo.
Siamo di fronte al colonialismo del 21° secolo, basato come sempre sulla forza militare. I detentori del capitale finanziario internazionale, l’industria non-allineata, i commercianti di armi e determinati gruppi d’affari sono i reali poteri che hanno gli strumenti organizzativi per il saccheggio, utilizzando la NATO.
Guidati dai paesi europei della NATO allineati con gli USA, sono determinati a superare la loro crisi economica invadendo paesi, senza curarsi dei danni alle popolazioni civili: in altre parole, cercando di invertire la crisi del sistema capitalista attraverso un colonialismo selvaggio.

Il Mali non ha bisogno di bombe, corruzione o sottomissione. Indipendentemente dalle etnie e dalle culture, la popolazione del Mali ha bisogno di democrazia, dignità, rispetto e prosperità. Il popolo del Mali ha bisogno di decidere del proprio futuro.

Gli umanisti ripudiano qualsiasi intervento straniero all’interno del territorio della Repubblica del Mali, ripudiano l’atteggiamento neocolonialista dei governi  degli Stati Uniti,  del Regno Unito, e in particolare del governo francese, rappresentanti di una falsa alternativa al neoliberismo, chiamato "socialismo europeo".

Gli umanisti difendono il diritto dei popoli all'autodeterminazione, e propongono i valori fondamentali dell’essere umano: i diritti umani e il rispetto per la vita.

Partito Umanista Internazionale - Federazione Internazionale dei Partiti Umanisti.

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information