AL REFERENDUM SULL’AUTONOMIA VOTIAMO NO
Il 22 ottobre 2017 i cittadini della Lombardia saranno chiamati a un referendum consultivo, con il quale verrà domandato loro se vogliono...Leggi tutto...
Aiutiamoli a casa loro? Una balla spaziale
di Vittorio Agnoletto
“Aiutarli a casa loro” per anni è stato lo slogan della destra. Ora è diventato il...Leggi tutto...
Chiedigli di Votare #StopCETA
#StopCETA: via alla mobilitazione permanente per bloccare la ratifica.
Il CETA è arrivato in Senato....Leggi tutto...
Umanisti, nonviolenti, antiliberisti: l'intervista
Umanisti, nonviolenti, antiliberisti: l'intervista a Tony Manigrasso, segretario nazionale del Partito Umanista a cura di Marco Piccinelli....Leggi tutto...
Attacco Usa in Siria: la voce del padrone
Come può essere definita la decisione del presidente USA di lanciare missili sul territorio siriano?
Il governo italiano appoggia...Leggi tutto...

Come dovrebbe essere considerato l’abbattimento dell’aereo civile della Malaysia Airlines avvenuto al confine tra Russia e Ucraina e che ha causato la morte di 298 persone?
Un atto terroristico? Un tragico errore?
Sapremo mai chi ha lanciato quel missile e perché?
Non sappiamo se conosceremo mai la verità, ma una cosa la sappiamo sin da adesso: i responsabili di questo tragico evento sono molti di più di quelli che materialmente lo hanno causato.
Responsabili sono tutti coloro che, da una parte e dall’altra, hanno incendiato il conflitto in Ucraina: arroganti presidenti, capi e capetti che, ubriachi di delirio di onnipotenza, hanno innescato un’assurda lotta per il potere, illudendosi di poter controllare il vortice di violenza che essi stessi hanno provocato.
Responsabili sono coloro che producono e vendono armi anche a chi può decidere di colpire qualsiasi bersaglio senza che venga sottoposto ad un minimo di controllo democratico.
Responsabili sono tutti coloro che appoggiano politicamente una parte o l’altra del conflitto, soprattutto se le parti hanno deciso di risolvere tale conflitto in modo violento, arrivando ad usare, come in questo caso, strumenti micidiali di morte.
Responsabili, infine, sono tutti i vertici della comunità internazionale che, di fronte alla fame insaziabile di potere di una minoranza di criminali, non sanno fare altro che porsi come un altro potere che, invece di lavorare assiduamente e quotidianamente affinché si diffonda il germe del dialogo e della tolleranza anche allo scopo di prevenire i conflitti, sa solo minacciare ritorsioni, anch’esse più o meno violente, una volta che i conflitti sono già esplosi.

In questo contesto ancora una volta la morte di 298 persone, arruolate senza saperlo in una guerra, rischia di essere considerata solo un effetto collaterale.
Peccato che ognuna di quelle vite spezzate non fosse affatto un effetto collaterale.   

foto corriere.it
 

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information