La Religione del Denaro, la povertà e la democrazia

La Religione del Denaro è la vera causa della povertà: se ne uscirà solo con la democrazia reale....

Leggi tutto...
Lottare contro la povertà, non contro i migranti
“Ogni individuo, in quanto membro della società, ha diritto alla sicurezza sociale, nonché alla realizzazione...
Leggi tutto...
Di Maio firma il Jefta: Gravissimo incontri subito StopTtip
Il Ministro dello Sviluppo economico ha dato il via libera alla stipula del contratto Japan-EU Free Trade Agreement, un accordo di libero...
Leggi tutto...
Le proposte Umaniste per la Solidarietà Sociale
L'Istat aggiornando gli indicatori dell'Agenda Onu 2030 sullo sviluppo, in occasione della conferenza nazionale di statistica,...
Leggi tutto...
Fiscal Compact: un passo verso il Medioevo Finanziario
Cosa prevede il Fiscal Compact?
Fra le molte cose contenute nel trattato, le più importanti sono quattro:Leggi tutto...
Prima le persone
Ancora naufragi al largo della Libia, ancora mancato intervento da parte dei soccorsi. Le stragi di questi giorni si sarebbero potute...
Leggi tutto...

Il Coordinamento della Sinistra contro l’Euro esprime vicinanza e solidarietà al popolo palestinese in lotta e condanna l’aggressione israeliana che in queste ore, con il pretesto dei tre coloni uccisi, sta compiendo un vero e proprio massacro: centinaia di morti e feriti, in gran parte civili e anche bambini, nella più completa impunità e sotto il più completo silenzio della stampa di tutto il mondo.

A chi giova tutto ciò? Quel che è certo è che l’accordo di unità nazionale palestinese tra Hamas e Fatah ha visto la sua fine con la morte dei tre coloni israeliani. Hamas è stata additata dal primo istante come responsabile del rapimento ma, ad oggi, le forze israeliane non sono state ancora in grado di fornire alcuna prova di un suo eventuale coinvolgimento.

In corso non c’è nessuna guerra, vista la sproporzionalità delle forze in campo, ma un vero e proprio genocidio. Ma si sa, i morti palestinesi non fanno notizia, altrimenti le pagine dei nostri giornali ne sarebbero piene, quotidianamente, non solo quando viene scomodato dall’occupazione anche qualche israeliano.

La stessa sinistra, quella che ancora si definisce tale, non è andata oltre pelose richieste di “pace”, accomunando occupati ed occupanti, vittime e carnefici.

Il Coordinamento della Sinistra contro l’euro, invece, non chiede soltanto pace, ma giustizia e libertà, appoggiando la resistenza palestinese che lotta contro la politica di persecuzione e di sterminio di Israele nei confronti del popolo arabo-palestinese che vive confinato nella striscia di Gaza.

Il Coordinamento della Sinistra contro l’euro, inoltre, condanna i silenzi e le complicità del governo Renzi e dell’Unione Europea che avrebbe dovuto portare pace e giustizia in tutto il mondo e fa appello a tutte le forze democratiche e costituzionali affinché si richieda un’immediata cessazione delle azioni militari contro la popolazione civile di Gaza.

Coordinamento della sinistra contro l'euro - sinistracontroeuro.it
Questo comunicato è stato approvato dal Comitato operativo del Coordinamento nazionale della sinistra contro l'euro. Riunione del 17 luglio 2014
Il Partito Umanista è parte di questo coordinamento.

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information