AL REFERENDUM SULL’AUTONOMIA VOTIAMO NO
Il 22 ottobre 2017 i cittadini della Lombardia saranno chiamati a un referendum consultivo, con il quale verrà domandato loro se vogliono...Leggi tutto...
Aiutiamoli a casa loro? Una balla spaziale
di Vittorio Agnoletto
“Aiutarli a casa loro” per anni è stato lo slogan della destra. Ora è diventato il...Leggi tutto...
Chiedigli di Votare #StopCETA
#StopCETA: via alla mobilitazione permanente per bloccare la ratifica.
Il CETA è arrivato in Senato....Leggi tutto...
Umanisti, nonviolenti, antiliberisti: l'intervista
Umanisti, nonviolenti, antiliberisti: l'intervista a Tony Manigrasso, segretario nazionale del Partito Umanista a cura di Marco Piccinelli....Leggi tutto...
Attacco Usa in Siria: la voce del padrone
Come può essere definita la decisione del presidente USA di lanciare missili sul territorio siriano?
Il governo italiano appoggia...Leggi tutto...
Il Partito Umanista Internazionale ripudia l'azione militare di Israele a Gaza e manifesta la sua solidarietà al popolo palestinese, che subisce un'aggressione di inusitata violenza.
Allo stesso tempo denuncia la campagna di disinformazione che ha ostacolato le espressioni di solidarietà in molte parti del mondo, così come la manifesta inattività delle Nazioni Unite.
La comunità internazionale sta cominciando a pretendere chiarezza su quello che, con leggerezza, viene chiamato conflitto israelo-palestinese e che, in realtà, è un'avanzata territoriale di Israele, che ignora qualsiasi considerazione umanitaria.
Ogni volta che si verificano questi reiterati scontri, che dal 2008 sono diventati costanti e riducono progressivamente il territorio di Gaza e Cisgiordania, la maggioranza dei paesi si pronuncia invano in favore di uno Stato Palestinese e del rispetto, da parte di Israele, delle risoluzioni delle Nazioni Unite, violate continuamente. È evidente che con manifestazioni di ripudio ed esortazioni alla pace non si ottiene assolutamente nulla, e che bisogna prendere posizione in modo risoluto di fronte alla manifesta crudeltà  del governo israelita.

Esortiamo le persone di buona volontà di tutto il mondo a fare pressione sulle organizzazioni sociali, sindacali, politiche, culturali di cui fanno parte; a sviluppare tutte le azioni necessarie a condannare l'agire violento del governo di Israele; a realizzare azioni di solidarietà con il popolo palestinese; a denunciare la manipolazione mediatica e a fermare questo genocidio.

Allo stesso tempo chiediamo ad Hamas di fermare il lancio di missili. La violenza non si elimina con altra violenza e gli attacchi a Israele costituiscono solo un impedimento alla soluzione del conflitto, mentre stanno provocando, per ritorsione, molta crudeltà verso lo stesso popolo palestinese.

Infine, elogiamo il coraggio delle migliaia di cittadini israeliani che si oppongono alla guerra e agiscono nel proprio paese cercando di fermare il massacro.

Per tutti gli esseri umani che credono nella pace e nella concordia fra le nazioni, c'è una nuova sfida e una nuova impresa: Medio Oriente in convivenza pacifica.
Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information