Chiedigli di Votare #StopCETA
#StopCETA: via alla mobilitazione permanente per bloccare la ratifica.
Il CETA è arrivato in Senato....Leggi tutto...
Quanto siete lontani
Di fronte alla polemica lanciata e sostenuta da personaggi politici opportunisti sulla presunta collusione tra alcune ONG e i trafficanti di esseri...Leggi tutto...
Bombe nucleari USA in Italia. Cui prodest?
In Italia sono presenti almeno 70 bombe nucleari degli Stati Uniti. Secondo la FAS, federazione di scienziati americani, ce ne sono 50 nella base...Leggi tutto...
Attacco Usa in Siria: la voce del padrone
Come può essere definita la decisione del presidente USA di lanciare missili sul territorio siriano?
Il governo italiano appoggia...Leggi tutto...
L’ultimo disperato tentativo di tenere a galla la UE

...

Leggi tutto...
Il Denaro come Bene Pubblico
Il denaro cos'è? Perchè il denaro è un bene pubblico?
In un mondo che per la prima volta è...Leggi tutto...
Iniziative in Italia per l’anniversario della detenzione di Milagro Sala
All’approssimarsi di un anno dalla detenzione illegale di Milagro Sala il Comitato per la Liberazione di Milagro Sala e le persone che lo...Leggi tutto...
Rivolta al cpa di Cona: frutto di disattenzione o strategia?
La rivolta dei migranti nel Centro di Prima Accoglienza di Cona, alla periferia di Venezia, purtroppo non è una sorpresa. Anzi, era...Leggi tutto...
Gli Umanisti denunciano e rifiutano ogni forma di violenza, in modo particolare quando le persone che lottano per il cambiamento sociale vengono private della libertà, come è il caso di Milagro Sala.

Milagro rappresenta un’organizzazione sociale, la Tupac Amaru, i cui membri sono migliaia e migliaia di persone umili, indigeni della provincia argentina di Jujuy, un popolo che a causa del bisogno disperato e dell’abbandono dello Stato ha iniziato a farsi carico della propria vita in tempi di disoccupazione e di assenza di supporto statale.

Poi, durante il governo del Fronte della Vittoria (2003-2015), la Tupac Amaru è andata rafforzandosi grazie ai contributi dello Stato e agli sforzi dei suoi membri.

Questo avveniva attraverso il lavoro dei suoi attivisti, instancabili lavoratori che per mezzo di fornitori di cibo, produttori di vestiario e cooperative comunitarie sono stati in grado di costruire case, officine, fabbriche, parchi acquatici, scuole di differenti livelli, infrastrutture e una lunga lista di conquiste per il benessere di ciascuno dei migliaia di membri.

L’attuale governo di Gerardo Morales a Jujuy e di Mauricio Macri in Argentina insieme, stanno tagliando la spesa statale attraverso il licenziamento di lavoratori del settore pubblico. Stanno criminalizzando la protesta sociale e andando contro una delle loro promesse elettorali: il dialogo.

L’arresto di Milagro Sala è una provocazione ai militanti e al popolo argentino, una provocazione a cui dobbiamo e vogliamo resistere senza violenza, come è stato fino ad ora.

Facciamo appello per l’immediato rilascio di Milagro Sala e per l’apertura di canali di dialogo tra il governo di Morales e la Tupac Amaru, oltre che per la continuità delle organizzazioni vicinali e di base che attraverso le cooperative di lavoratori hanno portato e continueranno a portare benessere alla popolazione.

Incoraggiamo il popolo oppresso dell’Argentina a sviluppare proteste, denunce e azioni senza violenza dietro la richiesta di una democrazia reale che rimpiazzi l’attuale democrazia formale, che ha dimostrato la sua totale inadeguatezza nell’incontrare i bisogni delle persone in relazione alla liberazione personale e sociale.

Il Gruppo Internazionale di Coordinamento della Federazione dei Partiti Umanisti.

.....

Credit: Traduzione dall’inglese di Matilde Mirabella
Video: https://www.youtube.com/watch?v=Vf6TWa1a-kI
#LiberenAMilagro - una campagna internazionale: http://www.pressenza.com/it/2016/01/liberen-a-milagro/

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information