Contro ogni fascismo il coraggio della nonviolenza
Le oltre diecimila persone che hanno manifestato a Como contro ogni fascismo e intolleranza non sono scese in piazza solo per gridare No a tutti i...Leggi tutto...
Blitz di Forza Nuova contro Repubblica: ma quale passato? questo è il presente!
Prima di tutto esprimiamo la nostra solidarietà al quotidiano “La Repubblica” per l’iniziativa intimidatoria messa in atto...Leggi tutto...
Il grande inganno del Reddito di Inclusione
La soluzione alla povertà è la redistribuzione del reddito con la piena e buona occupazione.

In questi...Leggi tutto...
Appello per la ratifica del Trattato sulla proibizione delle armi nucleari
Il Partito Umanista Internazionale fa appello a tutti gli Stati perché firmino e ratifichino il Trattato sulla proibizione delle...Leggi tutto...
Amazon e il Grande Fratello
Quello che succede dentro Amazon Italia non può che essere fonte di gravi preoccupazioni. Infatti, i “supermagazzinieri” sono...Leggi tutto...
Basta austerità! Fermiamo il Fiscal Compact
Basta austerità! Fermiamo il Fiscal Compact.
Per riaprire la discussione su un'Europa oltre Maastricht, per eliminare il...
Leggi tutto...
Aiutiamoli a casa loro? Una balla spaziale
di Vittorio Agnoletto
“Aiutarli a casa loro” per anni è stato lo slogan della destra. Ora è diventato il...Leggi tutto...
Gli Umanisti denunciano e rifiutano ogni forma di violenza, in modo particolare quando le persone che lottano per il cambiamento sociale vengono private della libertà, come è il caso di Milagro Sala.

Milagro rappresenta un’organizzazione sociale, la Tupac Amaru, i cui membri sono migliaia e migliaia di persone umili, indigeni della provincia argentina di Jujuy, un popolo che a causa del bisogno disperato e dell’abbandono dello Stato ha iniziato a farsi carico della propria vita in tempi di disoccupazione e di assenza di supporto statale.

Poi, durante il governo del Fronte della Vittoria (2003-2015), la Tupac Amaru è andata rafforzandosi grazie ai contributi dello Stato e agli sforzi dei suoi membri.

Questo avveniva attraverso il lavoro dei suoi attivisti, instancabili lavoratori che per mezzo di fornitori di cibo, produttori di vestiario e cooperative comunitarie sono stati in grado di costruire case, officine, fabbriche, parchi acquatici, scuole di differenti livelli, infrastrutture e una lunga lista di conquiste per il benessere di ciascuno dei migliaia di membri.

L’attuale governo di Gerardo Morales a Jujuy e di Mauricio Macri in Argentina insieme, stanno tagliando la spesa statale attraverso il licenziamento di lavoratori del settore pubblico. Stanno criminalizzando la protesta sociale e andando contro una delle loro promesse elettorali: il dialogo.

L’arresto di Milagro Sala è una provocazione ai militanti e al popolo argentino, una provocazione a cui dobbiamo e vogliamo resistere senza violenza, come è stato fino ad ora.

Facciamo appello per l’immediato rilascio di Milagro Sala e per l’apertura di canali di dialogo tra il governo di Morales e la Tupac Amaru, oltre che per la continuità delle organizzazioni vicinali e di base che attraverso le cooperative di lavoratori hanno portato e continueranno a portare benessere alla popolazione.

Incoraggiamo il popolo oppresso dell’Argentina a sviluppare proteste, denunce e azioni senza violenza dietro la richiesta di una democrazia reale che rimpiazzi l’attuale democrazia formale, che ha dimostrato la sua totale inadeguatezza nell’incontrare i bisogni delle persone in relazione alla liberazione personale e sociale.

Il Gruppo Internazionale di Coordinamento della Federazione dei Partiti Umanisti.

.....

Credit: Traduzione dall’inglese di Matilde Mirabella
Video: https://www.youtube.com/watch?v=Vf6TWa1a-kI
#LiberenAMilagro - una campagna internazionale: http://www.pressenza.com/it/2016/01/liberen-a-milagro/

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information