Spread e Mercati sono al di sopra del Parlamento Sovrano

Se Spread e Mercati sono al di sopra del Parlamento Sovrano, in gioco non c’è l’Europa ma l’assetto Democratico...

Leggi tutto...
Basta austerità! Fermiamo il Fiscal Compact
Basta austerità! Fermiamo il Fiscal Compact.
Per riaprire la discussione su un'Europa oltre Maastricht, per eliminare il...
Leggi tutto...
Il Partito Umanista argentino condanna con forza l’irruzione nella sede dell’organizzazione sociale  Tupac Amaru a San Salvador de Jujuy.

L’azione realizzata dal potere giudiziario della provincia, su richiesta del potere esecutivo, è un’ulteriore  episodio di persecuzione politica contro tale associazione, nel contesto della crescente violenza istituzionale nella provincia.

Senza dubbio il successo della Marcha Federal del 2 settembre contro le politiche di tagli e aumenti delle tariffe dei servizi pubblici da parte del governo nazionale e l’unanime richiesta di liberare Milagro Sala e gli altri membri dell’organizzazione hanno disturbato il governatore Morales, che prosegue nel suo obiettivo di distruggere la Tupac Amaru e ha istituito uno stato autoritario senza garanzie costituzionali e senza indipendenza dei poteri.

Come Partito Umanista esigiamo la liberazione immediata di Milagro Sala, di suo marito Raúl Noro e degli altri dieci prigionieri politici membri della Tupac Amaru, la fine delle politiche repressive  e della violazione dei diritti umani, il ripristino delle garanzie costituzionali e  l’affermazione di uno stato democratico.

Partito Umanista – Equipe di Coordinamento Nazionale

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information