La Religione del Denaro, la povertà e la democrazia

La Religione del Denaro è la vera causa della povertà: se ne uscirà solo con la democrazia reale....

Leggi tutto...
Lottare contro la povertà, non contro i migranti
“Ogni individuo, in quanto membro della società, ha diritto alla sicurezza sociale, nonché alla realizzazione...
Leggi tutto...
Di Maio firma il Jefta: Gravissimo incontri subito StopTtip
Il Ministro dello Sviluppo economico ha dato il via libera alla stipula del contratto Japan-EU Free Trade Agreement, un accordo di libero...
Leggi tutto...
Le proposte Umaniste per la Solidarietà Sociale
L'Istat aggiornando gli indicatori dell'Agenda Onu 2030 sullo sviluppo, in occasione della conferenza nazionale di statistica,...
Leggi tutto...
Fiscal Compact: un passo verso il Medioevo Finanziario
Cosa prevede il Fiscal Compact?
Fra le molte cose contenute nel trattato, le più importanti sono quattro:Leggi tutto...
Prima le persone
Ancora naufragi al largo della Libia, ancora mancato intervento da parte dei soccorsi. Le stragi di questi giorni si sarebbero potute...
Leggi tutto...
Come può essere definita la decisione del presidente USA di lanciare missili sul territorio siriano?
Il governo italiano appoggia l’azione militare statunitense. Il ministero degli esteri dichiara che “l’Italia comprende”. Non in nostro nome. Noi non comprendiamo, non giustifichiamo.
Non si tratta di  una “risposta motivata”, quale potrebbe essere solo quella di una legittima difesa contro un attacco in corso. Non è una risposta. Si tratta di un vero e proprio attacco, programmato, organizzato e pronto per essere sferrato alla prima occasione. Che ci facevano, altrimenti, delle navi militari USA nel Mediterraneo piene di missili pronti ad essere lanciati?
L’occasione è stata la strage di Khan Sheikhoun, con tanto di immagini strazianti di bambini uccisi che hanno fatto il giro del mondo. Quale migliore occasione per lanciare un po’ di missili come se fossero fuochi d’artificio. Se ne producono tanti. Ogni tanto bisogna pure utilizzarli.
Ma soprattutto quale migliore occasione per ribadire, soprattutto a chi casomai se ne fosse dimenticato, chi governa il mondo. Non c’è che dire, Trump sta svolgendo il compito assegnatogli: ristabilire la gerarchia mondiale. Dopo aver creato nei due decenni precedenti le condizioni affinché si configurasse un temibile nemico da combattere, cioè il terrorismo islamico, adesso inizia il secondo atto di questa tragica commedia: “arrivano i nostri”.  
Noi, però, non partecipiamo a questa commedia, né come attori, né come spettatori. Il nostro dissenso, che è totale, nasce dalla consapevolezza che il mondo non ha più bisogno di padroni.
Ora come ora il timore può essere forte. Questo è l’obiettivo di chi vuol essere padrone. Ma noi abbiamo scelto la speranza. E faremo di tutto per diffonderla.

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information