Taglio dei parlamentari, taglio di democrazia: difendiamo la costituzione e al referendum votiamo NO!

Leggi tutto...

L’Italia dica no al nuovo TTIP: il Governo non svenda la sicurezza del nostro cibo sotto il ricatto dei dazi di Trump
Il ministro USA dell’Agricoltura da oggi a Roma chiede l’azzeramento del Principio di precauzione e il via libera a cibo ai pesticidi e...Leggi tutto...
Fermiamo la guerra
I tamburi di guerra cominciano di nuovo a rullare, a causa dello sciagurato atto di aggressione all'Iran da parte degli USA.Leggi tutto...
APPROVARE LA RIFORMA DEL MES = TRADIRE IL POPOLO E LA COSTITUZIONE
Il Partito Umanista, da sempre schierato contro il ...Leggi tutto...
Il partito Umanista condanna il colpo di stato perpetrato in Bolivia contro il legittimo governo di Evo Morales
Di fronte alla grave situazione che in Bolivia ha portato alle dimissioni del presidente Morales e alla sua uscita dal Paese sotto minaccia di...Leggi tutto...
Patente e cannabis terapeutica

Essendo persona con disabilità sono soggetta a...

Leggi tutto...

Il Coordinamento della Sinistra contro l’Euro esprime vicinanza e solidarietà al popolo palestinese in lotta e condanna l’aggressione israeliana che in queste ore, con il pretesto dei tre coloni uccisi, sta compiendo un vero e proprio massacro: centinaia di morti e feriti, in gran parte civili e anche bambini, nella più completa impunità e sotto il più completo silenzio della stampa di tutto il mondo.

A chi giova tutto ciò? Quel che è certo è che l’accordo di unità nazionale palestinese tra Hamas e Fatah ha visto la sua fine con la morte dei tre coloni israeliani. Hamas è stata additata dal primo istante come responsabile del rapimento ma, ad oggi, le forze israeliane non sono state ancora in grado di fornire alcuna prova di un suo eventuale coinvolgimento.

In corso non c’è nessuna guerra, vista la sproporzionalità delle forze in campo, ma un vero e proprio genocidio. Ma si sa, i morti palestinesi non fanno notizia, altrimenti le pagine dei nostri giornali ne sarebbero piene, quotidianamente, non solo quando viene scomodato dall’occupazione anche qualche israeliano.

La stessa sinistra, quella che ancora si definisce tale, non è andata oltre pelose richieste di “pace”, accomunando occupati ed occupanti, vittime e carnefici.

Il Coordinamento della Sinistra contro l’euro, invece, non chiede soltanto pace, ma giustizia e libertà, appoggiando la resistenza palestinese che lotta contro la politica di persecuzione e di sterminio di Israele nei confronti del popolo arabo-palestinese che vive confinato nella striscia di Gaza.

Il Coordinamento della Sinistra contro l’euro, inoltre, condanna i silenzi e le complicità del governo Renzi e dell’Unione Europea che avrebbe dovuto portare pace e giustizia in tutto il mondo e fa appello a tutte le forze democratiche e costituzionali affinché si richieda un’immediata cessazione delle azioni militari contro la popolazione civile di Gaza.

Coordinamento della sinistra contro l'euro - sinistracontroeuro.it
Questo comunicato è stato approvato dal Comitato operativo del Coordinamento nazionale della sinistra contro l'euro. Riunione del 17 luglio 2014
Il Partito Umanista è parte di questo coordinamento.

Partito Umanista Italia © 2005 - 2019

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information