Referendum Atac: il Partito umanista vota NO
L'11 novembre 2018 si terrà l'ormai famigerato referendum consultivo promosso da Radicali Italiani riguardo la privatizzazione di...Leggi tutto...
Flat Tax
Il dibattito politico in corso in Italia sulla cosiddetta flat tax, ovvero sull’idea di realizzare un sistema fiscale proporzionale...
Leggi tutto...
Dopo Genova
La Religione del Denaro, la povertà e la democrazia

La Religione del Denaro è la vera causa della povertà: se ne uscirà solo con la democrazia...

Leggi tutto...
Le proposte Umaniste per la Solidarietà Sociale
L'Istat aggiornando gli indicatori dell'Agenda Onu 2030 sullo sviluppo, in occasione della conferenza nazionale di statistica,...
Leggi tutto...
Lottare contro la povertà, non contro i migranti
“Ogni individuo, in quanto membro della società, ha diritto alla sicurezza sociale, nonché alla realizzazione...
Leggi tutto...
Di Maio firma il Jefta: Gravissimo incontri subito StopTtip
Il Ministro dello Sviluppo economico ha dato il via libera alla stipula del contratto Japan-EU Free Trade Agreement, un accordo di libero...
Leggi tutto...
Fiscal Compact: un passo verso il Medioevo Finanziario
Cosa prevede il Fiscal Compact?
Fra le molte cose contenute nel trattato, le più importanti sono quattro:Leggi tutto...
Prima le persone
Ancora naufragi al largo della Libia, ancora mancato intervento da parte dei soccorsi. Le stragi di questi giorni si sarebbero potute...
Leggi tutto...
Gli Umanisti denunciano e rifiutano ogni forma di violenza, in modo particolare quando le persone che lottano per il cambiamento sociale vengono private della libertà, come è il caso di Milagro Sala.

Milagro rappresenta un’organizzazione sociale, la Tupac Amaru, i cui membri sono migliaia e migliaia di persone umili, indigeni della provincia argentina di Jujuy, un popolo che a causa del bisogno disperato e dell’abbandono dello Stato ha iniziato a farsi carico della propria vita in tempi di disoccupazione e di assenza di supporto statale.

Poi, durante il governo del Fronte della Vittoria (2003-2015), la Tupac Amaru è andata rafforzandosi grazie ai contributi dello Stato e agli sforzi dei suoi membri.

Questo avveniva attraverso il lavoro dei suoi attivisti, instancabili lavoratori che per mezzo di fornitori di cibo, produttori di vestiario e cooperative comunitarie sono stati in grado di costruire case, officine, fabbriche, parchi acquatici, scuole di differenti livelli, infrastrutture e una lunga lista di conquiste per il benessere di ciascuno dei migliaia di membri.

L’attuale governo di Gerardo Morales a Jujuy e di Mauricio Macri in Argentina insieme, stanno tagliando la spesa statale attraverso il licenziamento di lavoratori del settore pubblico. Stanno criminalizzando la protesta sociale e andando contro una delle loro promesse elettorali: il dialogo.

L’arresto di Milagro Sala è una provocazione ai militanti e al popolo argentino, una provocazione a cui dobbiamo e vogliamo resistere senza violenza, come è stato fino ad ora.

Facciamo appello per l’immediato rilascio di Milagro Sala e per l’apertura di canali di dialogo tra il governo di Morales e la Tupac Amaru, oltre che per la continuità delle organizzazioni vicinali e di base che attraverso le cooperative di lavoratori hanno portato e continueranno a portare benessere alla popolazione.

Incoraggiamo il popolo oppresso dell’Argentina a sviluppare proteste, denunce e azioni senza violenza dietro la richiesta di una democrazia reale che rimpiazzi l’attuale democrazia formale, che ha dimostrato la sua totale inadeguatezza nell’incontrare i bisogni delle persone in relazione alla liberazione personale e sociale.

Il Gruppo Internazionale di Coordinamento della Federazione dei Partiti Umanisti.

.....

Credit: Traduzione dall’inglese di Matilde Mirabella
Video: https://www.youtube.com/watch?v=Vf6TWa1a-kI
#LiberenAMilagro - una campagna internazionale: http://www.pressenza.com/it/2016/01/liberen-a-milagro/

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information