Mentre la citta di Roma deve sopportare la manifestazione della Lega Nord che si allea con la destra fascista rappresentata da CasaPound, apprendiamo da Maroni, presidente leghista della regione Lombardia, che la giunta ha approvato una proposta di legge che, con la scusa del contrasto alla criminalità, prevede che la Lombardia sia la prima Regione in Italia a pagare le spese legali ai cittadini accusati di «aver commesso un delitto per eccesso colposo di legittima difesa».
In altre parole, un’istituzione dello Stato, quale la regione Lombardia, si schiera apertamente e a priori dalla parte di chi ha sparato e magari ucciso per difendersi da solo da un’aggressione o una rapina. Probabilmente, vista l’esigua cifra di 50mila euro messa a disposizione dalla Regione per le suddette spese legali, è l’ennesima farsa propagandistica, ma non è questo il punto fondamentale. Ciò che risulta più scorretto è il tentativo di far passare questo provvedimento come un mezzo per contrastare la criminalità.
In un paese come l’Italia dove, nonostante ci sia una rigida normativa che regolamenta la detenzione delle armi, circolano sin troppe armi da fuoco; in un paese dove non è sicuro se siano le forze dell’ordine o le organizzazioni criminali a detenere più armi; in una società in cui quando si tratta di contrasto alla criminalità si  parla troppo spesso di inasprimento delle misure repressive e quasi mai di programmi di prevenzione; in un paese così, è proprio l’incentivare anziché lo scoraggiare la tendenza a difendersi da soli a rappresentare un atteggiamento criminale, oltre che profondamente ipocrita.
Tutto serve tranne un ritorno al far west. Di cowboys ne abbiamo già abbastanza in giro per l’Italia e per il mondo intero. Vogliamo pagar loro anche le spese legali?

di Carlo Olivieri, Roma, 28 febbraio 2015

Partito Umanista Italia © 2005 - 2014

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale del sito sono già impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information